Denominazione di Origine Controllata. Anche qui, l’etichetta DOC è accompagnato dal nome del vitigno tipico di una zona. Esempio “DOC Montepulciano d’Abruzzo”. Significa che c’è un legame tra il Montepulciano e quella zona specifica. Questo legame è garantito da un disciplinare di produzione, che descrive le regole di produzione del vino e della zona di produzione da cui devono provenire le uve.